RECENSIONI

Massimo Lapponi, Veteris vestigia flammae

«Che cosa, dunque, era diventato importante per lei? Non lo sapeva neanche lei in quel momento. Sapeva soltanto che non era più la ragazza di prima e che nuovi valori inaspettati avevano fatto irruzione improvvisamente nella sua vita, anche se non era in grado di dire esattamente quali fossero.» (M. Lapponi, Veteris vestigia flammae) Comincia […]

Marco Amerighi, Randagi

«Quella notte, quando il fuoco si estinse, ripensò alle teoria di Andrei sul punk, rifiutare l’elaborazione, restare uguali a se stessi, chiudersi a riccio in una bolla incorruttibile. Magari era quello il suo vero talento, lo scopo della sua esistenza. Piantare i piedi, restare immobile. Vivere al buio per smarrire un dolore, come gli cantava […]

Dionisio di Francescantonio, Senza sapere perché

«D’un tratto si sentiva fuori posto, mentre camminava accanto all’amica, e una sensazione di irrealtà la pervase, una sensazione non nuova, già provata in passato, quasi non fosse lei a muoversi nei suoi panni ma un’altra persona, la cui contiguità subiva con sgomento e con un senso di malessere profondo.» (D. di Francescantonio, Senza sapere […]

Kondratij Fëdorovič Rylèev, Voinaròvskij. Un eroe della libertà ucraina

«“Oh, quanto erano erronei i nostri sentimenti!/ Oh, come siamo soggetti al destino!/ Inutilmente negli animi bolle il coraggio:/ Già è giunta la fine della lotta:/ Un attimo ha deciso tutto/ Un attimo ha distrutto/ Per sempre la speranza, la felicità/ E la pace del mio paese./ Ma devo umiliarmi?/ Non voglio essere schiavo del […]

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.